Strumenti di mobile app analytics

by Beatrice Bottoni

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblr

Se, come vi abbiamo anticipato, il 2015 è l’anno della strategia mobile – la centralità di questo canale e delle app (ricordiamo che l’86% del tempo speso su mobile è sulle app) rendono necessaria la raccolta di dati preziosi per valutare le proprie KPI e comprendere così il comportamento degli utenti sulla propria app.

Anche nel caso di mobile app esistono svariati strumenti di analisi, si tratta quindi di valutare quello (o quelli!) più adatto alle vostre esigenze ed obiettivi.Immagine1

“Qual è l’audience principale della mia app? Quali azioni compiono una volta che l’hanno scaricata? Ritornano ad utilizzarla dopo la prima volta? Quanti effettuano upgrade o acquisti in-app? Quali schermate presentano crash più frequenti?”

Queste sono solo alcune curiosità che potrebbero essere soddisfatte tracciando l’app, indispensabili in ottica di un processo di ottimizzazione continua. Infatti, anche se riusciamo a far scaricare la nostra app ad un rilevante numero di persone, dobbiamo assolutamente evitare che la disinstallino subito dopo (ricordiamo che il 95% delle app viene disinstallato dopo un mese!) perché è poco usabile o offre contenuti poco interessanti.

Parlando di tool, il primo che ci viene in mente è naturalmente..

– Google Analytics: offre la possibilità di tracciare app Android e iOS tramite SDK con l’interfaccia e le caratteristiche che ormai dovrebbero esservi note. :) In più, tra le caratteristiche più interessanti troviamo la possibilità di conoscere le keyword con cui gli utenti hanno cercato la vostra app sullo store e di tracciare le URL delle campagne che puntano al Play Store. Di contro abbiamo che, come per i siti web, GA non fornisce dettagli relativi al modello delle device Apple. 

Pricing: La versione free prevede dati campionati, mentre quella premium ha un costo di $ 150k/anno.

mobileapp_GA1

– Localytics: consente di tracciare app su praticamente tutte le piattaforme (iOS, Android, Windows Phone, Blackberry e HTML5). Tra le caratteristiche salienti troviamo la possibilità di A/B testing, segmentazione avanzata e inviare notifiche in-app e push ad una audience selezionata. Calcola il Life-Time-Value degli utenti con la possibilità di segmentare tale informazione su svariate dimensioni come la sorgente, campagna, device, ecc… Inoltre, traccia le interazioni con la app non solo quando l’utente è online ma anche in assenza di connessione (secondo Localytics infatti il 15% delle app viene lanciato in modalità offline).

Pricing: Il prezzo varia a seconda dei Monthly Active Users (MAU); gratis fino a 10K MAU.

 

– Countly: strumento open-source che supporta app iOS, Android, Windows Phone e Blackberry. A favore di questo tool possiamo dire che offre una data visualization assolutamente f-a-n-t-a-s-t-i-c-a e user friendly. Possibilità di creare dashboard real time e funnel basati su eventi (con possibilità di segmentazione). Esiste anche una versione mobile dello strumento.

Pricing: Community edition gratuita, Professional and Business models a partire da 125$/mese.

– MixPanelstrumento di analytics basato su eventi. Tra le caratteristiche interessanti sottolineiamo la possibilità di creare in maniera piuttosto semplice funnel, selezionando i vari step e visualizzandone immediatamente il completion rate; è inoltre possibile definire metriche calcolate tramite la funzione “Formula”. La funzionalità aggiuntiva (e quindi non attiva di default) “People Analytics” non ci ha convinto per questioni di privacy: consente infatti di analizzare l’attività dei singoli utenti della app – a detta di MixPanel – identificati tramite il login.

Pricing: Gratuito fino a 25k data point. Prezzo dipende dal numero di data point e di profili utilizzati.

– AppSeestrumento di visual analytics. Consente di effettuare registrazioni video delle interazioni degli utenti, tracciando automaticamente tutti gli eventi della app e aggregando i dati sulle interazioni touch in visual heatmap – utili per trarre insight in termini di UX.

Pricing: Versione basic è gratuita.